79,9

Primo obiettivo raggiunto. Ovviamente la vittoria é irrisoria ma fa morale: non peso più 80 kg e la cosa mi da veramente sollievo. A detta del mio compagno sono dimagrita tantissimo, in realtà ho solo tonificare sedere e cosce grazie al lavoro. Per fortuna mi sta anche passando l’appetito, vuoi per la stanchezza e per la mancanza di tempo per mangiare. É un periodo abbastanza folle, fatto di orari assurdi e di lunghi turni di lavoro, speriamo di sopravvivere! Mi porto il pranzo a lavoro per evitare schifezze. Oggi panino col crudo, domani forse riso con verdure. Prossimo obiettivo: i 79!

Sgonfia

Non mi sono pesata perché a casa non dispongo di una bilancia, ma mi vedo leggermente più sgonfia sull’addome e le gambe al tatto sono molto più sode di come le avevo lasciate. Alimentazione disastrosa perché ho come cara amica, da poco, una pasticcera che sa fare benissimo il suo lavoro e che, ad ogni cena a casa, ci delizia con le sue leccornie. Diciamo che ho esagerato coi dolci e che ho mangiato troppo poco per bilanciare. La cosa positiva è che ho la nausea degli zuccheri e che ho tanta voglia di stare bene, quindi presumo che mentalmente sia già entrata nell’ottica di darci un taglio. Domani prenoto dei massaggi al centro estetico, hanno appena fatto un pacchetto promozionale interessante con massaggi e pressoterapie abbinate; non vorrei lasciarmelo scappare perché è tanto che non faccio niente per me stessa e vorrei rimediare. Dovrei anche tagliarmi i capelli e rifare il colore. Proverò un parrucchiere qui vicino, voglio premiare la comodità a tutti i costi. Per fortuna sto lavorando tipo 12 ore al giorno, quindi le entrate possono coprire le spese. Sono felice, mettiamola così 😙

 

80,9

La prima settimana di duro lavoro ha dato esiti positivi: ho perso quel chiletto che fa morale e tonificato a bestia le cosce. Come inizio non è male ed ovviamente questo mi spinge a fare di meglio. Voglio pormi un piccolo, piccolissimo obiettivo da raggiungere, ossia scendere sotto gli 80kg. Mi sono pesata prima, a casa di mia suocera e per raggiungere la meta devo perdere solo 900g. Calcolando che ieri a cena ho mangiato la pizza, direi che in 3-4 giorni dovrei farcela, ma é probabile che ci riesca stasera stessa, dopo aver fatto la ceretta!!

Sto sempre provando a prendermi cura di me, con scrub e creme e senza disertare il centro nail vicino casa, caro quanto bello. É la terza volta consecutiva che ci vado, senza saltare, sono soddisfatta, le mie unghie crescono bene e finalmente hanno un aspetto gradevole. Voglio approfittare delle offerte del centro estetico che frequento per fare un pedicure ed un bel massaggio al corpo. Mi hanno mandato oggi un sms con varie offerte promozionali e ci sto facendo un pensierino. Male invece per quanto riguarda la questione parrucchiere, non ho ancora deciso dove andare e cosa fare, penso a questo punto di rimandare alla prossima settimana, per mancanza di tempo. Non mi spingerei oltre, viste le condizioni dei miei capelli. Sto tuttavia prendendo gli integratori della Swisse ed ho proprio ora in testa una maschera ristrutturante della Biopoint, che dovrebbe aiutarmi a lenire la secchezza del cuoio capelluto. Dovrei anche passare a via Frattina per ritirare dei campioncini della Nashi. Ho scaricato un coupon ed intendo usufruire di questo regalo, perché essendo a base di Olio di Argan, ho paura che sulla mia testa facciano l’effetto “olio di semi” e siccome non costano proprio poco…vorrei prima testarli, appunto.

Ha detto il mio istruttore che da lunedì ricominciamo con le lezioni di Pilates. Voglio vedere se stavolta ce la facciamo, l’estate é dietro l’angolo e non abbiamo tempo da perdere, cavolo!

Incubi

Mia cognata, 40 kg di donna, ha deciso di festeggiare il suo compleanno in piscina. Devo aggiungere altro o siete parzialmente consapevoli della tragedia alla quale sto andando incontro? É vero che mancano quasi 6 mesi e che volendo il tempo c’è eccome, però mi sento non proprio dell’umore giusto per affrontare la faccenda. In primis, è un po’ che non faccio pilates, a causa degli impegni del mio istruttore. Ho provato a casa ma mi annoio ed ovviamente faccio degli esercizi sconnessi, senza insistere sulle zone critiche. Secondo, cucinare per due non è bello, quando devi perdere peso, perché avere una buona forchetta per compagno implica il dover preparare qualcosa di succulento, ed io non sono una di quelle che “per te carbonara, per me insalata scondita” e purtroppo i risultati si vedono.

Ora, non è semplice disabituarsi alle cose buone e grondanti sugna da ogni poro, ma io ci riprovo. Per lui oggi tortelli, per me 70g di riso scondito, due medaglioni di merluzzo alla piastra (senza panatura) ed una dadolata di verdure. Da stamane solo caffè, nessuna schifezza. Stasera sono a cena da mia madre e ovviamente porto le castagnole, ma saprò regolarmi. Ho una fame che non ci vedo, ma non si ottengono risultati solo sperando, quindi azioniamo la museruola virtuale e controlliamo un pochettino l’ alimentazione.

Non ho bilance in casa, se non quella della cucina, quindi nessuna ansia da peso, solo tanta voglia di vedermi meno grossa

18 mesi per raggiungere il Top

Alzi la mano chi, dopo le abbuffate delle feste natalizie, ha preso almeno 3 kg. Ed alzi la mano chi, a fronte di un evidente aumento di peso, ha come me giurato di rimettersi a dieta ferrea. Ovviamente non sono ancora uscita dal tunnel, gli avanzi delle feste sono ancora nel freezer e lo stomaco fa fatica a non desiderare una bella fetta di panettone per colazione, ma tant’è, tocca correre ai ripari e nel mio caso bisogna pure strafare, perché a giugno dovrò andare a scegliere il vestito col quale sposarmi e beh, non ho molto tempo e non posso presentarmi in atelier col culo quadrato del quale attualmente dispongo.

Presa coscienza della situazione nella quale verso da almeno 25 Anni, ho deciso che é iniziato il momento di ricominciare, ma non dalla dieta.

“E come?” Direte voi. Semplice, eliminando tutte le fonti di stress che mi circondano. Il senso di inadeguatezza ha sempre avuto la meglio su di me. É su questo che devo iniziare a lavorare, non sui cm di adipe che mi proteggono il fegato, perché la perdita di peso é solo una conseguenza ed avviene se ci sono le condizioni giuste. Mi spiego meglio: se sono stressata mangio. Se sono triste mangio, così pure se sono malinconica o preoccupata per qualcosa. E soprattutto mangio quando non mi sento all’altezza delle aspettative degli altri, perché é evidente che non mi senta all’altezza delle mie.  E come mai?

Perché non mi sento bella, non mi sento piacevole, mi guardo allo specchio e non somiglio a nessuna delle attrici più fighe della galassia (anche se il mio ideale di bellezza é più trash ed é riassunto dal solo nome di Cher), ma la verità, L’amara verità é che io non ho mai fatto nulla nemmeno per tentare di migliorare.

Unghie corte, capelli sfibrati e di un colore scialbino, abbigliamento proprio insignificante, perché si, é l’interiorità che conta, ma se non ti piaci te per prima, come puoi pretendere di piacere agli altri? Se la tua immagine mentale é quella di una disperata, cos’altro pretendi di comunicare agli altri?

Io ho perso peso quando mi sono posta come obiettivo quello di apparire ai miei occhi come una bellezza rara. Ho perso peso quando nessun uomo mi ha detto “sei grassa e devi dimagrire”, ho perso peso semplicemente perché non avevo la necessità di ripiegare sulle merendine per sentirmi amata.

E siccome ho un uomo che non fa storie e mi rende felice, siccome ho bisogno di vedermi bene, ho deciso di prendermi cura di Me.

Ho fatto un po’ di shopping per rinnovare il guardaroba, ieri estetista per la cera, oggi manicure e semi permanente, a breve parrucchiere e sopracciglia. Ho fatto una maschera al collagene e mi sento già rinata, uno strato di crema sul viso e sono pronta per affrontare il mondo.

Voglio fare qualcosa per me quotidianamente e sentirmi sempre femminile e al top. So che può funzionare, poi ovviamente inizierò a ridurre le porzioni e le zozzerie che mangio, tornerò a fare pilates. Mi sento piena di energie e stavolta ce la faccio 💪🏼💪🏼💪🏼😍

78,7

Lo vedete perché non voglio una bilancia? Ieri sera sono passata da mia suocera e, quasi senza salutarla, sono andata a chiudermi in bagno. Vestiti che piovevano sul pavimento ed un verdetto pesante da digerire: solo un etto perso.

“Scusa ma cosa ti aspettavi di aver perso in tre giorni?”

Almeno 10 kg, per esempio. Come se fosse il numero, la cosa importante..

Come se anni di consapevolezza ed analisi e diete serie non fossero mai esistiti.

Sono in pieno loop, più o meno. Ci sono rimasta male anche perché ho fatto, in questi tre giorni, due sedute bestiali di Pilates. Ovviamente il fisico é più tonico, ho i quadricipiti che scoppiano ed il sedere meno basso, ma la valenza del numero sul display..

C’é anche da dire che non ho propriamente mangiato bene in questo lasso di tempo; mi sono concessa una buona dose di zuccheri e probabilmente il senso di colpa la dice lunga sulla faccenda. Stare a dieta non é facile altrimenti non ci sarebbero obesi nel mondo, lo so. Quindi niente, devo continuare ed insistere, lasciare tempo al metabolismo e continuare con la attività fisica.

Prossimo obiettivo: 78,5.

Penso sia a portata, ce la devo fare. Mi basta perdere 500g a settimana. Solo due fottutissimi kg al mese. Devo perderne una quindicina, non di più. Ma anche dieci vanno benissimo, per dire. Piccole tappe e progressi visibili, senza scorciatoie, senza proteine in busta, drenanti o pillole magiche. Non ce la faccio più nemmeno a pensare di riprendere la schiavitù dei pat o dei beveroni dal sapore squallido.

Riprendo qualche misura per vedere se variano nel tempo :

Seno 104

Vita 88

Fianchi 108

Coscia 66

Polpaccio 40

 

78,8

Ero tornata dalle vacanze un po appesantita, con tanti sensi di colpa per il quantitativo smodato di zucchero assunto, che “No, basta coi Campari, alcool inutile e kcal incontrollate..”, ma ecco, anche i Crodini ed i gelati non scherzano mica.

E quindi minestrone fuori dal freezer subito, acqua da bere in quantità industriali e diamo pure voce alla mania di controllo e scarichiamo un paio di app utili.

La prima é Lifesum, che aiuta la gestione dei pasti e controlla le calorie assimilate, la seconda é un contapassi. Ho scaricato Pacer perché era a portata di mano, funziona anche se non si é connessi e fa un riassunto delle kcal bruciate.

Nei giorni di maggiore attività lavorativa ho sfiorato i 6000 passi. Siamo al di sotto delle 300 kcal perse, ma meglio di niente. Ora, se non vado errata, 1 kg da perdere  corrisponde a 7000 kcal. Averne bruciate 900 solo lavorando, in tre giorni, non è male. É più di un fottuto etto smarrito, più un discreto acconto per quello successivo.

Ieri sera mi sono pesata, a casa di mia suocera. 78,8. Pensavo di stare sugli 80, massimo 79,5…invece sorpresa! Pian piano le cose stanno girando per il verso giusto. Erano anni, credo, che non toccassi questa vetta e mi viene da ridere per tutte le volte che mi sono maledetta per non aver scavallato i 76,6, ma ora farò di questo numero il mio nuovo obiettivo e ci arriverò!

avanti tutta, ora si fa sul serio!